Avviato il processo di riforma della Sanità Toscana

Le 12 aziende sanitarie locali toscane diventano 3, una per ciascuna Area vasta: Toscana Centro, Toscana Nord Ovest, Toscana Sud Est. Il percorso durerà un anno, attraverso varie tappe. La delibera sul riordino dell’assetto istituzionale e organizzativo del servizio sanitario regionale, approvata a fine dicembre dalla giunta, è stata inviata al Consiglio regionale per le sue deliberazioni e decisioni.

Dopo l’approvazione della legge, i direttori generali delle 12 Asl decadranno e con loro i direttori sanitari, amministrativi e dei servizi sociali. La 3 future Asl saranno rette da altrettanti commissari, che gestiranno il processo di fusione e il progetto di riordino complessivo dei servizi sanitari regionali. Per ciascuna Asl verrà nominato anche un vicecommissario, che per lo svolgimento delle sue funzioni si avvarrà di uno staff composto da professionisti del servizio sanitario regionale.  “In questi anni la sanità toscana ha affrontato con decisione la crisi, riorganizzando, razionalizzando, eliminando sprechi e doppioni – osserva l’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni – E ottenendo, sia detto per inciso, risultati che l’hanno posta ai vertici delle classifiche nazionali. Pensavamo di non dover intervenire ulteriormente, invece no, il governo ci chiede nuovi sforzi, nuovi sacrifici. E siccome non vogliamo ridurre i servizi né aggiungere nuove tasse, dobbiamo fare altre scelte. Per questo abbiamo messo mano a una grande riforma del servizio sanitario toscano, un processo di riordino complessivo, che nell’arco di un anno porterà alla riduzione delle attuali 12 aziende sanitarie locali a 3, una per Area vasta. Un processo che era già cominciato con l’unificazione dei tre Estav (Enti per i servizi tecnico amministrativi di Area vasta) in un unico Estar regionale. L’obiettivo non è solo quello del risparmio, ma anche, e direi prima di tutto, quello di un miglioramento della qualità dei servizi”.

Con l’accorpamento delle attuali 12 in 3 aziende sanitarie, la proposta di legge prevede un forte rafforzamento del ruolo dell’Area vasta, quale sede di attuazione della programmazione strategica regionale, per rendere funzionalmente unitaria l’azione delle aziende. Dal 1° gennaio 2016 verranno istituite 3 aziende Usl, una per ciascuna delle 3 Aree vaste, dotate di personalità giuridica di diritto pubblico e di autonomia imprenditoriale, organizzativa, amministrativa e contabile.

Condividi:

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.